The NFT Cross Chain is Coming to EOS

Voice.com is to allow NFTs bought on Voice to be transferred onto EOS, but will this be the game-changer they hope?


Credit: Bywire News, Canva
Credit: Bywire News, Canva
Bywire - Claim your free account nowBywire - Claim your free account now

An Italian version of this article is available at the bottom.

LONDON (Bywire News) - The confirmation from Salah Zalatimo, CEO of the NFT platform Voice, that it will be possible to transfer NFTs from Voice to EOS is being billed as a big moment for the struggling platform. It allows for cross-chain transfers making, as they say, the multi-chain a reality. 

What is Voice?

Before delving into the news, let’s look at Voice and the road it has taken to get here. Originally it had been designed as a social media platform for the blockchain. However, after a series of – what at the time seemed to be incomprehensible choices – it made an abrupt about-turn to become an NFT marketplace on the blockchain. 

Right away things did not start well. Voice was criticised for ditching what had been a genuinely innovative new social media platform to chase the growing NFT market. Even worse, the announcement that it would run on a private blockchain modelled on EOSIO rather than EOS, caused more condemnation. To many, it was yet another failed project in the troubled history of EOS. 

The NFT cross chain

However, there are promising signs for Voice. Not everyone will know that managing NFTs on older 2.0 blockchains such as Ethereum is not easy. It is the smart contract which owns the NFT – if we want to know the characteristics of the NFT that we see in our address, we must query the NFT itself.  

It also follows that these NFTs are always on the blockchain and are linked to that smart contract which, in fact, prevents their transfer from one blockchain to another. That is why, when creating collections, you have to carefully choose which blockchain to use.  

Voice, on the other hand, which uses a version of EOS, has development code which is almost identical to EOSIO-based blockchains making it possible to achieve what would be technically impossible for its older, less advanced, counterparts. 

How does it work?

In fact, this system allows NFTs created on Voice to be moved to other blockchains such as WAX and EOS and vice versa, i.e. the Voice NFTs that were sent to EOS and not the original NFTs created with AtomicHub.

However, there is a catch. To carry out this procedure, called "wrap" and "unwrap", the NFT must have been sold at least once on the Voice platform. Only then can it be moved onto other blockchains. If the NFT has not been sold, you will receive an error message. 

Many people will not like this step. In order to sell an NFT on Voice, you need to have your profile verified which involves a lot of KYC procedures. This negative aspect, in combination with the fact that, by default, it does not use a public blockchain will do little for its appeal. Only in the future could it truly emerge if the regulation also appears in the NFT sector. 

Italian version below.

Arriva il crosschain NFT su EOS

Da poco è arrivata la conferma da Salah Zalatimo, CEO di Voice piattaforma per creare e vendere NFT, della possibilità di trasferire gli NFT dalla piattaforma centralizzata di Voice alla blockchain di EOS, permettendo di fatto un trasferimento crosschain:

Cosa è Voice?

Prima di addentrarci nella news, facciamo un breve ripasso della piattaforma Voice, infatti la stessa era nata come piattaforma di social media su blockchain, ma per via di scelte incomprensibili si è deciso di cambiare rotta e per evitare di far fallire il progetto e giustificare la spesa folle per il domino da 30 milioni di dollari, si è deciso di creare un marketplace di NFT su blockchain.

Già la piattaforma non partì bene per questo cambio di rotta visto da molti come un mero inseguimento del mercato, ma la società dietro a questa piattaforma ha saputo fare di meglio in negativo, in quanto questo marketplace nemmeno gira su una blockchain pubblica ma su una copia di EOS.

Il crosschain di NFT

Forse non tutti sanno che la gestione degli NFT sulle blockchain 2.0 come Ethereum, non sono facili da gestire in quanto è lo smart contract a possedere l’NFT ed infatti se vogliamo conoscere le caratteristiche dell’NFT che vediamo nel nostro indirizzo dobbiamo interrogare lo smart contract stesso.

Ne deriva che questi NFT sono sempre su blockchain e legati a quello smart contract, che di fatto ne impedisce il trasferimento da una blockchain all’altra, ed è per questo che quando si creano collezioni bisogna scegliere attentamente quale blockchain utilizzare.

Invece Voice, che utilizza una versione di EOS, ha di fatto quasi tutto il codice di sviluppo identico alle blockchain basate su EOSIO, permettendo di realizzare l’impossibile sotto il punto di vista tecnico e che nessun’altra blockchain può fare.

Come funziona?

Infatti questo sistema permette agli NFT creati su Voice di essere spostati su altre blockchain come ad esempio WAX ed EOS e viceversa, ossia gli NFT di Voice che erano state inviate ad EOS e non gli NFT originali creati con AtomicHub ad esempio.

Per effettuare questa procedura, chiamata “wrap” ed “unwrap”, l’NFT deve essere stato venduto almeno una volta sulla piattaforma di Voice, e poi potremo spostarlo su altre blockchain, altrimenti riceveremo un messaggio di errore:

Cosa che a molti non piacerà in quanto per poter vendere gli NFT su Voice è necessaria passare una verifica del profilo con tanto di procedura KYC, e questo aspetto negativo in combinazione con il fatto che già di default non utilizza una blockchain pubblica, questa piattaforma non ha un appeal particolarmente forte, e solo in futuro potrebbe emergere nel caso in cui la regolamentazione faccia capolino anche nel settore NFT.

(Writing by Alfredo de Candia and Tom Cropper, editing by Klaudia Fior)

 

Bywire will email you from time to time with news digests, stories & opportunities to get involved. Privacy

Bywire - Claim your free account nowBywire - Claim your free account now